Do you speak English?
CONSEGNA GRATUITA IN ITALIA DA 60 EUR CONSEGNA GRATUITA IN ITALIA DA 60 EUR CONSEGNA GRATUITA IN ITALIA DA 60 EUR CONSEGNA GRATUITA IN ITALIA DA 60 EUR
148A2078

Knowledge Treasures

La riscoperta del contatto

Tocchiamo il mondo, sentiamo i suoi oggetti, ma queste sensazioni scompaiono troppo velocemente, lasciando impressioni fugaci. Il nostro senso del tatto è caratteristico, eppure ne sappiamo molto poco. Tuttavia, più diventiamo consapevoli del nostro senso del tatto, meglio impariamo a definirlo e a scoprirne la ricchezza.

La tattilità è sia una sensazione fisica che un’esperienza spirituale; è di natura ambigua. Cosa proviamo quando tocchiamo le cose? Cosa proviamo quando veniamo toccati? La tattilità è un trucco della mente o è una caratteristica sensuale che possiamo cogliere? Come si sente la bellezza e quando è “giusta”? Possiamo esprimerlo anche in linguaggio o evapora l’esperienza nel momento in cui cerchiamo di spiegarlo a voce?

 

Dono sottovalutato

Il senso del tatto è un fenomeno affascinante: questo dono sottovalutato aiuta noi umani a esplorare il mondo e a orientarci. Anche se alcuni movimenti sono completamente automatici, dietro di essi c’è un processo molto complesso, in cui milioni di sensori tattili e di movimento in tutto il corpo trasmettono informazioni al cervello.

 

Il tocco come protolingua

Da un certo punto di vista, il senso del tatto ci permette di stabilire il primo contatto: prima ancora che gli embrioni sviluppino gli occhi o le orecchie, essi cominciano a percepire se stessi e il loro ambiente nel grembo materno già nell’ottava settimana. Alla nascita, il senso del tatto è più sviluppato di tutti gli altri sensi. Il tatto è quindi la nostra prima lingua, una “lingua primordiale” per così dire, che funziona indipendentemente dagli altri canali di comunicazione.

TeamDrJoseph_-109_1000x1000
TeamDrJoseph_YooMi_HR-1_1000x1000

Perché il contatto è così importante

Dopo la nascita, il contatto è esistenziale per lo sviluppo del bambino. Oggi sappiamo che i bambini (ma anche gli animali), che durante la fase di sviluppo non hanno avuto poco o quasi nessun contatto, mostrano evidenti disturbi dello sviluppo e del comportamento. Secondo i ricercatori, il bisogno umano fondamentale del tocco e contatto è vitale, perché “non c’è crescita neuronale o fisico-cellulare senza un adeguato grado di deformazione del corpo, cioè contatto fisico”, dice Martin Grunwald, professore di Psicologia della Percezione all’Università di Lipsia.

 

Tocchi + sentimenti

La pelle è il nostro organo più grande, oltre che il nostro immediato punto di confine e di connessione con il mondo esterno. Essa è destinata a percepire il contatto. Sulla pelle si trovano milioni di recettori tattili che ci permettono di sentire calore, freddo, strutture, consistenze e pressione, ma anche di percepire la direzione e la velocità del tocco. I cosiddetti recettori cutanei inviano i segnali attraverso i nostri tratti nervosi al cervello. Infine, tramite speciali connessioni nervose il tocco viene valutato emotivamente: si sente scomodo, piacevole, strano o familiare?

148A1832_1000x1000

Potere di guarigione

A causa della complessa e ampia reazione del nostro corpo al contatto, i massaggi non influenzano solo i nostri muscoli, ma anche la nostra salute fisica e mentale. Gli studi hanno dimostrato che un abbraccio o un tocco calmante possono migliorare il nostro umore, ridurre lo stress e aumentare la circolazione sanguigna.

Le forme di contatto quotidiane rafforzano la nostra stabilità emotiva e possono influenzare positivamente la nostra salute. Il nostro corpo reagisce al tocco consapevole rilasciando numerosi ormoni di felicità e neurotrasmettitori. Movimenti di accarezzamento dolci e lenti portano al rilascio dell’ossitocina, l’ormone di felicità, nel cervello, che d’altronde contribuisce a ridurre gli ormoni dello stress e a rallentare la respirazione e il battito cardiaco. Il corpo si rilassa e ci sentiamo bene.

La scienza del contatto sottolinea in modo convincente che siamo collegati in rete per connetterci con altre persone a livello fisico. Negarlo significherebbe privarci di alcune delle più grandi gioie e delle più profonde soddisfazioni della vita.

CONTINUA A LEGGERE
Lettura

2 min